News
20 settembre, 2019 - evento

Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore (I livello) al centro dei lavori presso Palazzo Garanafei Nervegna

Quali possibilità abbiamo in Puglia per far decollare l'apprendistato? Con questo quesito prende corpo la discussione che vede al tavolo dei relatori i rappresentanti dell'Anpal Servizi Puglia, Paolone e Rubino e il Docente di diritto del Lavoro Prof. Donato Marino.

Il Dott. Domizio Paolone dell'Anpal Servizi (Agenzia del Ministero del Lavoro) riporta alla platea entusiasmi e criticità dell'esperienza di monitoraggio dei103 istituri pugliesi, soffermandosi su quando la transizione scuola lavoro possa diventare una sfida vincente. Per Paolone "L'opportunità dell'alternanza va pensata come una Co-pogettazione dell'offerta formativa che deve coinvolgere scuole, istituzioni e imprese." 

La Dott.ssa Anna Rubino dell'Anpal Servizi definisce in un lungo ed interessante intervento i dettagli dell'attivazione dell'apprendistato di I livello (disciplinato dal decreto 81/2015) che ha una peculiarità forte in tema di destinatari quali i giovani che abbiano compiuto 15 anni ancora in obbligo scolastico (deroga alla legge sul lavoro minorile) e una finalità in tema di conseguimento di un titolo di studio (con una necessaria coerenza tra titolo e attività lavorativa). La dottoressa Rubino sottolinea vantaggi e limiti dal punto di vista dei giovani studenti e freni, dubbi e vantaggi per le imprese. 

Il Prof. Donato Marino - docente di diritto del Lavoro dell'Università degli Studi di Bari, esplora nel suo intervento le ragioni dell'insuccesso o marginalità dell'apprendistato: molti punti irrisolti contenuti nella disciplina che allontana gli imprenditori, troppo pesanti le procedure burocratiche, la limitazione dei soggetti che possono accreditarsi. Perchè proporre oggi l'apprendistato di I livello si chiede il Prof.Marino? Occorre cambiare la prospettiva, deve essere un'esigenza, l'apprendistato così, non va inteso come strumento di cura di un problema contigente ma uno stimolo ed un incentivo in grado di favorire un cambiamento nel mondo del lavoro. Una sfida a più livelli che coinvolge più attori, un dovere sociale e i cdl devono avere un ruolo determinante in questo.

Condividi
  • facebook
  • google plus
  • twitter
News della categoria
21 settembre, 2019 - evento
L'intervento del Dottor Andrea Vernaleone, vice direttore Puglia e Sviluppo Spa apre i lavori della seconda giornata di "Sposta... menti a Sud"
20 settembre, 2019 - evento
L'argomento è trattato dal Prof Domenico Garofalo e dall'Avv.Francesco Stolfa
20 settembre, 2019 - evento
Presentato il "Corso di Laurea in Consulenza del Lavoro ed operatori di impresa"